Rassegna stampa

28Dicembre2021

Il Corriere Fiorentino

Tra i pellegrini di Piero

Mentre non avrebbe alcun senso parlare di viaggio o di pellegrinaggio con riferimento a Raffaello, a Michelangelo o a Caravaggio, o a qualsiasi altro grande dell’arte, l’unico modo per conoscere Piero della Francesca è sempre stato quello di andare a cercarlo nella sua terra, scoprirlo e ammirarlo nei luoghi nei quali e per i quali ha dipinto.

Leggi di più

23Dicembre2021

Doppiozero

Curare e prendersi cura

Tante domande, ed è un bene. E, come anticipavamo, il libro è stato pubblicato più di un anno prima della pandemia: lo scenario di chi lo legge oggi in traduzione è drammaticamente diverso, tanto da suggerire nella prefazione di Paolo Vineis, la necessità di un punto di vista molto più largo, quello di una “entropia planetaria”.

Leggi di più

19Dicembre2021

La Nazione - Arezzo

I predatori del Piero della Francesca perduto

La vicenda che oggi verrebbe definita scandalosa ma che era tipica dell’incuria di un paese afflitto da secoli di malgoverno clericale e degli stati dell’Ancien Regime ce la racconta Attilio Brilli, il maggiore studioso italiano di letteratura dì viaggio e uno dei grandi esperti di Piero, in alcuni sapidi capitoletti del suo ultimi libro, «La più bella pittura del mondo», edito da Aboca e uno dei must editoriali da comprare o regalare a Natale.

Leggi di più

9Dicembre2021

Airone

Imparare a respirare è un toccasana

Possiamo restare senza mangiare per settimane, ma senza aria sopravviviamo solo pochi minuti. Non solo: la respirazione corretta può aiutarci a guarire da malattie del corpo e della mente. Lo sanno bene i maestri di yoga, che vi dedicano buona parte dei loro insegnamenti, e lo dimostra la scienza occidentale

Leggi di più

3Dicembre2021

Il Venerdì de "La Repubblica"

Anche le balene hanno le ali

«Sembrano fatte tanto per volare, quanto per peregrinare sott’acqua» spiega nel saggio Le regine dell’abisso la scrittrice naturalista australiana Rebecca Giggs. «Decollano. Sono soltanto loro a decidere, a un certo punto, di cadere»

Leggi di più

28Novembre2021

Il Mattino

Mettete maschere, bombole e pinne. Benvenuti nel Veneto del 2786

Ritorna ora in un singolare testo, “Viaggio nell’Italia dell’antropocene”, edizioni Aboca, proposto da due docenti universitari padovani: Telmo Pievani, filosofo delle scienze biologiche, e Mauro Varotto, geografo. Attualissimo il tema: come cambierà la geografia del nostro Paese in mancanza di un intervento radicale sul cambiamento climatico.

Leggi di più

24Novembre2021

L'Indiscreto

La psichiatria va messa in discussione

Essere sani di mente vuol dire solo non essere malati o si tratta di qualcosa di più? La malattia mentale è solo uno stato fisiologico anormale oppure è una condizione che ha una componente valutativa? Rispondere è difficile. Ma vale la pena provarci senza pregiudizi.

Leggi di più

24Novembre2021

Corriere della Sera

Alle balene s'è abbassata la voce: forse è colpa degli oceani più acidi.

Definirei Le regine dell’abisso una non fiction narrativa, io sono quasi un personaggio, metto al centro l’esperienza personale. Uno dei miei obiettivi è coinvolgere anche coloro che non si definiscono “ambientalisti” o non hanno una spiccata sensibilità ecologista. Le balene sono animali con un grande carisma, ci sono in qualche modo familiari. La forza di alcune specie, come gli orsi polari o le tigri, è proprio questa: riuscire a far appassionare istantaneamente a cause importanti.

Leggi di più

22Novembre2021

La Repubblica "Green e blue"

"Il bosco di là" di Lorenzo Marone

Matteuccia, ex staffetta partigiana rimasta sola dopo la morte di sua madre, ha rinunciato al mondo degli uomini e parla solo con alberi, venti e animali. Attraverso i quali Lorenzo Marone ci racconta la Natura e i suoi miti.

Leggi di più

11Novembre2021

Il Manifesto

Il bosco di Matteuccia, partigiana e vittima della violenza nazista

In quest’ultimo libro, “Il bosco di là”, l’autore ci porta in un luogo non nominato ma sicuramente uno di quei paesi appenninici dove lo scontro col potere nazifascista fu eroico e violento. È la storia, a mo’ di favola, di Matteuccia, un tempo staffetta partigiana, oggi stralunata vecchina che «il paese considerava stramba».

Leggi di più