SAGGI HUMAN ECOLOGY

L'arte di respirare

Le regole base per rieducare un gesto naturale

Non c’è niente di più essenziale per la nostra salute e il nostro benessere che respirare: prendere aria, lasciarla uscire, per 25.000 volte al giorno. Sembrerebbe così facile e banale, eppure, come specie, gli esseri umani hanno perso la capacità di respirare correttamente, compromettendo così la propria salute.
Il giornalista James Nestor ha viaggiato per il mondo per capire cosa sia andato storto e, dopo approfondite ricerche, ha trovato delle risposte sorprendenti, e non le ha trovate, come ci si aspetterebbe, nei laboratori di pneumologia, ma negli scavi di antichi siti di sepoltura, in strutture sovietiche segrete, in scuole corali del New Jersey e per le fumose strade di São Paulo. Nestor ha rintracciato uomini e donne che hanno esplorato la scienza nascosta dietro antiche pratiche di respirazione come Pranayama, Sudarshan, Kriya e Tummo e si è affidato a esperti polmonari per testare scientificamente le più diffuse convinzioni sulla respirazione.
La ricerca moderna ci sta mostrando che fare anche lievi modifiche al modo in cui inspiriamo ed espiriamo può dare una svolta a prestazioni atletiche, ringiovanire gli organi interni, far smettere di russare, risolvere asma e malattie autoimmuni, e persino raddrizzare la scoliosi.
Nulla di tutto ciò dovrebbe essere possibile, eppure lo è. Attingendo a testi medici antichi e ai più recenti studi all’avanguardia in pneumologia, psicologia, biochimica e fisiologia umana, L’arte di respirare trasforma la saggezza convenzionale di ciò che pensavamo di sapere sulla nostra più basilare funzione biologica: non respireremo mai più allo stesso modo.

• Negli USA, “Breath” è uscito il 26 maggio e, alla seconda settimana di vendita, era già al 6° posto della classifica di non fiction del “New York Times”, quella seguente al 9° posto e ora permane in top 20.
• Libro che ha un pubblico potenziale molto vasto: può interessare sicuramente non solo i lettorim che apprezzano la divulgazione scientifica (è un’avventura giornalistica di grande rilievo,
che appassiona per come è scritta e per la qualità del suo approfondimento), ma anche chi pratica sport, che si interessa di benessere, di fitness, di yoga, di mindfulness.
• L’autore parte dalla propria esperienza personale per illuminare un campo che, in maniera divulgativa, non è ancora stato trattato, anzi, è quasi sottovalutato.
• La stampa italiana, a seguito del grande successo americano, si è già interessata al libro.

L’arte di respirare trasforma la saggezza convenzionale di ciò che pensavamo di sapere sulla nostra più basilare funzione biologica:
non respireremo mai più allo stesso modo.